Nuove Ducati Streetfighter V2 e V4 SP

Dal successo della “Fight Formula” nascono due nuovi modelli Ducati: Streetfighter V2 e Streetfighter V4 SP.

Streetfighter V2 V4 SP naked test prova recensione impressioni prezzo scheda tecnica video
Ducati gamma Streetfighter
Cerchi un Hotel, un Ristorante o altro?

Forte del successo riscosso con il modello V4, la famiglia Ducati Streetfighter si espande con la presentazione dei modelli Streetfighter V2 e Streetfighter V4 SP.

Lo Streetfighter V2 rappresenta l’essenza dell’attitudine “Fighter”: la nuova porta d’ingresso alla famiglia è la sintesi perfetta di audacia ed essenzialità. Realizzato in serie numerata, lo Streetfighter V4 SP aggiunge alla “Fight Formula” le specifiche tecniche esclusive dei modelli “SP” migliorando ulteriormente il rapporto potenza/peso dello Streetfighter V4 S, già al vertice della categoria.

youtube moto vlog

Ducati espande la famiglia Streetfighter per il 2022 con l’introduzione di due nuovi modelli: l’audace ed essenziale Streetfighter V2 e il top di gamma Streetfighter V4 SP. I dettagli delle due moto sono stati svelati nel corso del quarto episodio della Ducati World Première web series (qui il link diretto per vedere il video).

Streetfighter V2

Il nuovo Streetfighter V2 è una naked sportiva con un carattere unico, che si rivolge a quei motociclisti che sono alla ricerca di una moto capace di coniugare il DNA sportivo della Panigale V2 con l’attitudine di guida e lo stile Streetfighter. Il risultato è un modello intuitivo e facile da gestire, con la potenza giusta per garantire prestazioni adrenaliniche e il massimo del divertimento nella guida.

La moto è il prodotto della reinterpretazione della vincente “Fight Formula” di Ducati, questa volta applicata alla Panigale V2, che è stata spogliata delle carene ed equipaggiata con manubrio alto e largo. Il peso a secco della moto è di 178 kg e il motore è il Superquadro da 955 cm³ con 153 CV controllati da un pacchetto elettronico di ultima generazione.

Il nuovo Streetfighter V2 è essenziale e caratterizzato da un design tagliente, che riprende gli elementi stilistici principali dello Streetfighter V4, a cominciare dal distintivo proiettore anteriore, che richiama la firma a V del DRL tipica delle sportive Ducati ed è ispirato alla celebre espressione del Joker.
L’elegante design della moto è plasmato intorno alla meccanica ereditata dalla Panigale V2, di cui il motore Superquadro è elemento portante.

L’ergonomia dello Streetfighter V2 mette al centro il pilota ed è focalizzata sull’utilizzo stradale con il giusto mix tra sportività e comfort. Il manubrio in alluminio alto e largo sostituisce i semimanubri della Panigale V2. La sella è più larga e ha una nuova imbottitura che la rende più confortevole, mentre le pedane sono state riposizionate per aumentare il comfort. La posizione di guida che deriva da queste modifiche consente al pilota un grande controllo nella guida sportiva, ma al tempo stesso di non affaticarsi nell’utilizzo quotidiano.

Il motore dello Streetfighter V2 è il Superquadro da 955 cm³ , conforme alla normativa Euro 5, capace di erogare una potenza massima di 153 CV a 10.750 giri/minuto e una coppia massima di 101,4 Nm a 9.000 giri/minuto. Questo motore è molto elastico: sfruttabile e godibile su strada, ma anche efficace in pista, dove risulta sempre facile da gestire. Rispetto alla Panigale V2, lo Streetfighter V2 ha un rapporto finale più corto (15/45 vs 15/43), che garantisce una maggiore coppia alla ruota alle velocità di uso stradale, regalando una migliore prontezza del motore in fase di riapertura del gas.

Nelle fasi di sviluppo di questo nuovo modello gli ingegneri si sono concentrati in maniera particolare sulla ciclistica. Il motore Superquadro è utilizzato come elemento strutturale e ad esso è collegata la compatta struttura anteriore, composta da un telaio monoscocca in alluminio fuso in conchiglia fissato alla testa del motore. Al motore è collegato anche il forcellone monobraccio posteriore, che è più lungo di 16 mm rispetto a quello della Panigale V2 per garantire la stabilità della moto privata delle carene.
A questa base si aggiungono la forcella anteriore Showa BPF da 43 mm e l’ammortizzatore Sachs con taratura dedicata per rendere la moto più confortevole su strada, ma al contempo facilmente settabile per la guida in pista.

Lo Streetfighter V2 monta cerchi a 5 razze e i nuovi pneumatici Pirelli Diablo Rosso IV nelle misure di 120/70 ZR17 all’anteriore e 180/60 ZR17 al posteriore, che forniscono una risposta rapida agli impulsi del pilota e un ottimo feeling in curva. L’impianto frenante è uguale a quello della Panigale V2, dotato di pinze monoblocco Brembo M4.32 con dischi da 320 mm di diametro, fatta eccezione per la scelta di pastiglie meno aggressive e quindi più adatte per l’uso stradale.

La completa e moderna dotazione elettronica che equipaggia lo Streetfighter V2 è ereditata dalla Panigale V2. La piattaforma inerziale IMU a sei assi sovrintende tutti i controlli elettronici della moto e misura in tempo reale la posizione della moto nello spazio, inviando le informazioni alle centraline che gestiscono i controlli. Il pacchetto elettronico comprende: ABS Cornering EVO con funzionalità slide by brake, Ducati Traction Control (DTC) EVO 2, Ducati Wheelie Control (DWC) EVO, Ducati Quick Shift up/down (DQS) EVO 2, Engine Brake Control (EBC) EVO.

Lo Streetfighter V2 è dotato di tre Riding Mode (Sport, Road, Wet) con tarature dei controlli dedicate. L’equipaggiamento elettronico può essere arricchito dagli accessori contenuti nel catalogo Ducati Performance: Ducati Data Analyser (DDA + GPS) e Ducati Multimedia System.

La moto è dotata di fari full-LED con DRL anteriore e di un dashboard TFT da 4,3” dall’interfaccia intuitiva che richiama il family-feeling dello Streetfighter V4.

Lo Streetfighter V2 sarà disponibile nelle concessionarie della rete Ducati a partire dal mese di dicembre 2021 nella colorazione Rosso Ducati con cerchi neri.

All’interno del catalogo Ducati Performance sono presenti diversi accessori pensati per esaltare il look e le prestazioni del nuovo Streetfighter V2. Tra questi spiccano le ali, pensate da Ducati per garantire prestazioni ancora più elevate nell’uso in pista.

Streetfighter V4 SP

L’altra grande novità nella famiglia Streetfighter è il modello top di gamma Streetfighter V4 SP, proposto in versione numerata e contraddistinto dalla mitica sigla “SP” (Sport Production). Il nuovo Streetfighter V4 SP è la naked di Borgo Panigale più adrenalinica di sempre , grazie a una dotazione tecnica esclusiva che combina la “Fight Formula” con le specifiche “SP”, migliorando ulteriormente il rapporto potenza/peso dello Streetfighter V4 S, che era già il migliore della categoria, e rendendo la moto ancora più efficace nella guida su strada e in pista.

Lo Streetfighter V4 SP possiede una livrea dedicata, una dotazione esclusiva di derivazione Superleggera V4 e ha un peso di 196 kg in ordine di marcia (-3 kg rispetto allo Streetfighter V4 S).

La moto adotta la livrea “Winter Test” , essenziale e affascinante, creata dal Centro Stile Ducati ispirandosi alle moto Ducati Corse impiegate nei test pre-stagionali dei Campionati MotoGP e SBK. Il nero opaco delle sovrastrutture, combinato con la finitura opaca del carbonio dei cerchi e delle ali, contrasta con gli accenti rosso acceso e con la brillantezza del serbatoio in alluminio spazzolato a vista. La moto è impreziosita visivamente anche da alcuni dettagli, come il numero progressivo stampato sul manubrio e i colori della bandiera italiana sulle ali in carbonio.

Lo Streetfighter V4 SP è equipaggiato con cerchi a 5 razze sdoppiate in carbonio, più leggeri di 1,4 kg rispetto a quelli forgiati in alluminio montati di serie dallo Streetfighter V4 S e capaci di ridurre il momento d’inerzia del 26% all’anteriore e del 46% al posteriore, rendendo la moto sensibilmente più agile e leggera nei cambi di direzione. Le esclusive pinze freno anteriori Brembo Stylema R® garantiscono un’elevata potenza frenante, oltre a un’eccezionale costanza di rendimento anche nel caso di uso prolungato in pista.

Le sospensioni sono le Öhlins Smart EC 2.0 regolate dal sistema “event based”, il quale è in grado di variare gli smorzamenti in base allo stile di guida del pilota, e insieme alle ali biplano aumentano la confidenza e garantiscono le migliori performance nell’uso sportivo.

Il cuore della moto è il Desmosedici Stradale da 1.103 cm³ con 208 CV capace di erogare una coppia di 123 Nm a 9,500 giri/minuto. Sullo Streetfighter V4 SP il Desmosedici Stradale monta la frizione a secco STM-EVO SBK, che garantisce una migliore funzione anti-saltellamento, anche nelle scalate più aggressive, e una maggiore fluidità in tutte le fasi di “off-throttle”, indispensabile per essere efficaci in pista nella guida al limite.

L’equipaggiamento di questa esclusiva moto è completato dalle pedane regolabili in alluminio ricavate dal pieno che consentono al pilota di trovare la posizione ottimale in sella, dal parafango anteriore in carbonio, dalla batteria agli ioni di litio e da elementi a corredo utilizzabili nei “track day”, come la cover frizione aperta in carbonio* e il tappo per la rimozione del portatarga*.

Grazie alla sua dotazione tecnica lo Streetfighter V4 SP rappresenta la moto ideale per l’amatore che vuole scendere in pista con una naked ed essere immediatamente veloce. La qualità della moto in frenata è infatti straordinaria, così come la leggerezza nello scendere in piega, la tendenza a chiudere la linea e la stabilità alle alte velocità.

Lo Streetfighter V4 SP è disponibile in configurazione monoposto nella livrea “Winter Test”. La moto sarà ordinabile presso le concessionarie della rete Ducati a partire da gennaio 2021.