Salute in moto: preparazione atletica, schiena e cervicale.

Viaggiare in moto e stare in forma con la giusta postura e preparazione atletica per evitare dolori e fastidi tipici di questo sport.

Mal di schiena e cervicale - Shutterstock
Mal di schiena e cervicale - Shutterstock
Advertisement

Cervicale, mal di schiena, stiramenti, dolori vari: bastano pochi gesti ed esercizi per godersi la moto a tutte le età come Franco Picco.

Per questo motivo abbiamo deciso di rivolgerci ai professionisti di Axis Milano, preparatori atletici, chinesiologici e osteopati, per comprendere al meglio come prevenire dolori e fastidi vari e per essere dei motociclisti in forma, anche se non corriamo in Dakar.

sconto anlas pneumatici

La postura in moto

Ovviamente una posizione corretta in moto salverebbe già molte delle nostre cervicali o lombalgie, ma non è cosi semplice: siamo ostaggio di molti fattori quali il manubrio, la sella, le pedane e gli angoli tra questi punti chiave. A volte non è possibile modificarli, o troppo costoso o la guida verrebbe stravolta. Che fare quindi?

L’unico modo per contrastare queste posizioni poco corrette è adottare alcuni accorgimenti di carattere materiale come:

Casco più leggero e aerodinamico: sicuramente un’ottima soluzione per ridurre le pressioni sulla cervicale ed affaticare meno la muscolatura nel contrastare vento e posizioni errate.

Fascia lombare: non sempre i modelli da moto o integrati al paraschiena sono efficaci, valutate quelli da enduro o quelli ortopedici con doppio elastico, il beneficio maggiore lo si ha quando più il sostegno steccato è alto e la pressione ben distribuita.

La preparazione atletica: ovvero come allenare e mantenere al meglio il proprio corpo in modo che la muscolatura possa contrastare il sorgere di infiammazioni e affaticamenti.

CORE STABILITY (muscoli posturali)

La core stability ha come funzione primaria, anche se non unica, proprio questa: dare stabilità al core del nostro corpo, agendo e lavorando su due sistemi muscolari, ovvero il sistema stabilizzatore (muscolatura locale) e il sistema di movimento (muscolatura globale).

Nel nostro caso l’obiettivo primario è rinforzare muscoli posturali, in particolare quelli dorsali e quelli ad esso connessi: glutei, paravertebrali, adduttori interni della coscia.

bosu tavoletta propriocettiva eserciziInsieme al lavoro per rinforzare la muscolatura, molto importanti sono gli esercizi di propriocezione, ovvero aumentare e amplificare la percezione del proprio corpo nello spazio. Lo si fa con una o più tavolette propriocettive, strumento che serve per educare (o rieducare) i recettori meccanici del piede.

Consigliamo sempre di rivolgervi ad un professionista, anche solo per poche lezioni dove imparare gli esercizi fondamentali e la corretta esecuzione, onde evitare posizioni o movimenti errati e allo stesso tempo anche la corretta respirazione, spesso trascurata.

Gli esercizi principali che consigliamo si possono tutti eseguire anche a casa con l’ausilio di pochi strumenti come tavolette propriocettive e un bastone.

Mobilità articolare:

  • Trazioni alternate del ginocchio al petto
  • Esercizi di estensione con bastone
  • Circonduzioni delle braccia con un bastone
  • Circonduzioni cervicali: flessioni laterali, frontali, rotazioni (si/no)

Esercizi di rinforzo:

  • Ponte glutei: in posizione supina, con le gambe divaricate all'altezza dei fianchi e in posizione flessa, piedi ben appoggiati a terra o sui dischi, sollevare il bacino verso l’alto.
  • Addominali: in posizione supina, si porta un ginocchio al petto e lo si spinge con la mano opposta.
  • Crunch classico: in posizione supina, con le gambe divaricate all'altezza dei fianchi e in posizione flessa, sollevando il busto in direzione del bacino che invece deve restare in saldo appoggio.
  • Crunch in isometria: stessa posizione del crunch classico ma si mantiene la posizione sospesa per diversi secondi (a seconda della propria resistenza).
  • Plank isometrico: tenendo la posizione per 10-15 secondi fino ad un massimo di 1-2 minuti.
  • Plank dinamico: sollevando da terra un arto o due arti opposti (ad es. braccio destro e gamba sinistra)
  • Superman: in posizione pronia (a pancia in giù), estendere le braccia avanti con il palmo della mano che guarda verso il basso e tenere le gambe ben distese, sollevare contemporaneamente un braccio e la gamba opposta, cercando di tenere entrambi gli arti distesi, mantenere la posizione alcuni secondi, ritornare nella posizione iniziale e ripetere dall’altra parte.
  • Adduttori interni: da seduti o sdraiati supini con le gambe flesse, con l’ausilio di una palla tra le ginocchia (non palla medica, quindi non pesante) stringere e rilasciare o mantenere la stretta per diversi secondi.
  Per chi pratica l’enduro o il fuoristrada, quindi spesso in posizione in piedi sulle pedane consigliamo di praticare gli squat in generale, anche e soprattutto in isometria (mantenendo quindi la posizione per diversi secondi/minuti) anche in condizioni di instabilità con i dischi sotto i piedi, rammentando di non andare mai con le ginocchia e naso oltre le punte dei piedi, mantenendo la gamba ferma e andando indietro col sedere. Oltre agli squat si possono eseguire esercizi classici di piegamenti sulle braccia e trazioni al petto per i dorsali, anche questi, volendo in condizioni di instabilità appoggiandosi sui dischi. Per quanto riguarda il fiato o comunque per dare completezza all’allenamento, è consigliato allenare anche cuore e polmoni tramite corsa, bici o vogatore.

Foto di Roger Yi

Advertisement
Yamaha
Monica Avanzi
La professionista della comunicazione e delle pubbliche relazioni, sempre vicina alle esigenze del nostro team, capace di rendere sempre molto più semplice il dialogo tra Stampa e Aziende. Appassionata di viaggi, fotografia e delle brevi fughe in moto.