Dolomiti in moto: Passo Rolle

Passo Rolle in moto: uno degli itinerari più belli delle Dolomiti tra vette, boschi e borghi di montagna dove soggiornare.

Passo Rolle itinerario moto Trentino bici informazioni
Passo Rolle- Ph Shutterstock

Passo Rolle in moto: itinerario tra le Dolomiti all’interno del parco naturale Paneveggio – Pale di San Martino, offre alternative come il Passo Cereda.

Tra la Valle del Travignolo e la valle del Cismon, una strada itinerario ricca di curve con tappa al lago artificiale di Panaveggio. Itinerario e consigli utili.

Altitudine (metri s.l.m.)1.989 m
Lunghezza43 Km
CollegamentoPredazzo – Tonadico
Numero di tornanti47
Cosa vedere nei dintorniLago e parco naturale di Panaveggio
Piatti Tipici della zonaPandolce di Bolzano, frittelle di mele, zuppa di canederli allo speck
Chiusura invernaleno
Condizioni stradali e noteBuone condizioni, difficoltà media

Indice dei contenuti

  1. Cenni storici e turistici
  2. Itinerario
  3. Mappa

Cenni storici e turistici:

Teatro di numerose battaglie durante la prima guerra mondiale, oggi il Passo Rolle è stato scelto dalla Guardia di Finanza come sede per due caserme e sede anche del SAGF, Soccorso alpino Guardia di finanza e del soggiorno montano delle Fiamme Gialle. Si svolgono anche corsi di sopravvivenza e addestramento sia agli allievi ufficiali dell’Accademia che agli allievi finanzieri della Scuola Alpina di Predazzo della Guardia di Finanza. Vantando molteplici tappe del giro d’Italia, d’estate è frequentato dai innumerevoli ciclisti, mentre d’inverno, grazie ai suoi impianti, è fruibile dagli sciatori.

Gli escursionisti dal valico, punto di partenza per ascensioni sulle Pale e sul gruppo del Lagorai, possono rapidamente raggiungere i laghetti di Colbricòn, luoghi d’insediamento di cacciatori nel Neolitico e la Val Venegia, una delle aree naturalistiche più belle del Trentino.

passo rolle itinerario bici moto dolomiti trentino
Passo Rolle – Ph. Shutterstock

Itinerario:

Partiamo da Predazzo, direzione SS50 che salendo in maniera non troppo impegnativa ci porta fino al lago di Panaveggio, all’interno del parco naturale di Paneveggio-Pale di San Martino. Il lago è balneabile, ma attenti alle temperature, siamo già a 1.500 m s.l.m.! La strada è circondata da boschi e alpeggi ed è una vera immersione nella natura.

Non mancano aree di sosta da dove poter ammirare le cime del gruppo delle Pale di San Martino. Lasciato il passo, continuiamo a percorrere la SS50 che ci offre un percorso a serpentina fino a San Martino di Castrozza. Altra pausa per visitare questa famosa località turistica montana e poi proseguiamo fino a Tonadico, meta del nostro itinerario in Val Cismon, da dove possiamo imboccare la SS347 per andare a fare altre curve verso il Passo Cereda.

Mappa: